A proposito di BES

 

inclusione 3Con l’acronimo BES si intendono i Bisogni Educativi Speciali, definizione in cui rientrano tutti quei “bisogni” che richiedono una “speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”.

Alcuni genitori delle scuole dell’Ambito 5 (Romano, Treviglio, Caravaggio), a cui appartiene anche il liceo Simone Weil, particolarmente  interessati a questo argomento hanno iniziato in questo mese un percorso di formazione e informazione (con la collaborazione del CoorCoGe, della rete dei Genitori, delle scuole dell’ambito 5, della provincia Di Bergamo, etc.) dedicato in generale al tema dell’inclusione.

Abbiamo chiesto a Daniela, uno dei genitori del Weil, che nelle ultime riunioni ci aveva parlato delle difficoltà che gli alunni con “bisogni speciali” incontrano a scuola, di seguire le riunioni e le varie attività e di provare ad essere il nostro inviato sul campo…sotto alcuni dei suoi aggiornamenti.

Martedì 9 gennaio – Riunione tra genitori

Alcuni genitori del Weil, Oberdan e Zenale si sono riuniti presso l’istituto Oberdan di Treviglio per condividere esperienze personali, discutere dell’idea di creare un gruppo di auto/mutuo aiuto e parlare del “Progetto Inclusione”.

Il “Progetto Inclusione” è un progetto fortemente voluto dalla Rete dei Comitati Genitori degli Istituti Superiori dell’ambito scolastico della Bassa bergamasca, in collaborazione con la Scuola Polo per la formazione e con il Coor.Co.Ge della provincia.

Il termine “inclusione” significa attenzione a diversi bisogni, da quelli certificati, come per i ragazzi e le ragazze Dsa, a quelli latenti e silenziosi che contaminano la capacità di apprendimento di uno studente.

Si è pensato ad una serie di serate a tema, mirate a coinvolgere ragazzi, insegnanti e genitori, creando momenti in-formativi di riflessione e confronto.

La prima serata è programmata per lunedì 22 gennaio, ore 20.30 presso la succursale dell’Istituto Zenale in via Caravaggio 52. Titolo dell’incontro: ”Chi formo? Come formo? I bisogni educativi speciali”. Relatrice: Prof.ssa Antonella Giannellini, Ufficio scolastico di Bergamo. L’incontro è rivolto soprattutto ai docenti.

Ma le serate sono aperte alla partecipazione di tutti, non solo dei genitori che hanno figli con difficoltà di apprendimento. Tutti i genitori che vogliono dare una mano sono i benvenuti.

Lunedì 22 gennaio 2018 – Primo incontro “Progetto Inclusione” presso Aula Magna dell’Istituto Archimede Treviglio

“Bes – Acronimo misterioso” – Parliamone Insieme

Relatore: Prof.ssa Antonella Giannellini, referente provinciale per l’inclusione scolastica – Ufficio Scolastico Regionale – ambito di Bergamo. Presenti anche la Prof.ssa Paola Pellegrini, preside dell’Istituto Zenale e la  Prof.ssa Maria Chiara Pardi, preside dell’Istituto Archimede. Presenti 125 docenti delle scuole di tutto il territorio nell’ambito 5, più genitori con e senza figli con difficoltà d’apprendimento.

L’incontro comincia alle 20.40 perché continua ad arrivare gente.

Parla brevemente Marilisa Zappella presidente del Coor. Co. Ge di Bergamo: questo progetto nasce proprio da un’idea dei genitori che l’hanno voluto fortemente perché ci credono.

“Non c’è peggior ingiustizia che far parti eguali tra diversi” (lettera a una professoressa – Don Milani 1967)

La prof.ssa Giannellini comincia a parlare e pone “l’attenzione sulla persona”. I ragazzi sono persone che vanno rispettate, ascoltate, aiutate. L’inclusione va oltre le etichette, più etichettiamo più separiamo. Gli studenti vanno accolti con le loro caratteristiche.

Ci vuole Equità.

Cita alcune leggi ed altri documenti ed invita caldamente a leggerli.

  • 34 della Costituzione
  • 1967: Don Milani e la scuola di Barbiana
  • 1977: Legge 517
  • 1978: legge 180 (Basaglia)
  • 1992: legge 104
  • 1999: DPR 275/99 (Regolamento autonomia istituzioni scolastiche). Con questo DPR nasce il POF
  • Legge 53/2003 (personalizzazione apprendimenti)
  • Decreto Ministeriale 5669 del 12 luglio 2011

La prof.ssa Giannellini sottolinea che, per quanto riguarda il Piano Didattico Personalizzato (PDP), che viene redatto per i ragazzi DSA, non bisogna fare il “copia e incolla”. Bisogna conoscere bene il singolo ragazzo e la singola ragazza e saper vedere tutti i miglioramenti acquisiti. Valorizzare tutti gli aspetti positivi e lavorare su quelli. Smetterla di vedere solo ciò che non va.

Verso la fine dell’incontro interviene anche Rita Caffi, Presidente dell’Associazione Italiana Dislessia sezione di Bergamo e provincia. Consiglia di andare a vedere il sito dell’associazione dove si trovano tantissimi spunti ed iniziative interessanti e risposte alle proprie domande. Invita anche a partecipare agli incontri che si tengono un lunedì al mese a Lallio.

Viene dato poi spazio alle domande, che sono molte.

L’incontro termina verso le 22.45, anche se la voglia di parlare è davvero tanta dato l’argomento molto interessante.

Ne approfitto per segnalare che la prof.ssa Giannellini terrà un incontro a Lallio presso Auditorium via Locatelli, n.9, lunedì 12 marzo ore 20.30 dal titolo “riflessioni sul concetto di valutazione”.

Daniela Tucci (genitore referente per il Progetto Inclusione per il CoGeSw)


Qui la Brochure con l’elenco degli incontri che si terranno nei prossimi mesi e a cui tutti siamo invitati a partecipare.


Ultimo aggiornamento

Dal sito dell’Istituto Zenale apprendiamo che:

Si informa che sono state riaperte le iscrizioni al corso BES e visto che il numero delle iscrizioni è in costante aumento, il secondo incontro del corso “Naturalmente inclusione, l’inclusione è normalità” del 26 febbraio 2018 si terrà presso il Teatro Nuovo in piazza Garibaldi a Treviglio e non presso l’Istituto Cantoni.

ISCRIZIONE AGLI INCONTRI PREVISTA TRAMITE I SEGUENTI MODULI ON LINE:

Per i genitori

Per gli insegnanti

http://www.zenale.gov.it/attivita-scuola-polo-formazione/decreti-piano-di-formazione-ambito-5/unita-formativa-5-bes/


Se qualcuno dei genitori fosse interessato ad avere informazioni sul Progetto Inclusione da Daniela può scrivere all’indirizzo mail comitatogenitoriweil@libero.it

Comitato Genitori Simone Weil

Annunci

Un pensiero su “A proposito di BES

  1. Pingback: Riunione genitori e altro | Il Nostro Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...